The Apache Relay: American Nomad

I rimedi del Dr. Reckeweg

Lo sapevo che una copertina come quella di American Nomad non poteva che racchiudere dele belle canzoni e così è stato! Interno notte ore 23.30 in TV Thunder vs Mavs, come sempre, Mac on the legs, mentre sfoglio Mojo e Uncut ed ascolto qualcosa (ebbene si… sono solito fare 4/5 cose contemporaneamente). Arrivo sulla pagina di http://www.americansongwriter.com/ ed incomincio a curiosare…. solite cose… Jeff Bridges farà un disco solista prodotto da T-Bone Burnett e mi annoto un po’ di uscite… scorro la sezione reviews e mi imbatto in The Apache Relay! I Thunder sono avanti ma so che alla fine perderanno, apro la pagina e mi trovo al cospetto di una copertina strepitosa, i quattro su di una tandem (mi ricordano  i Beatles) e la curiosità mi rende famelico. Sulla web page della band solo poche cose… allora che faccio? 6.99$ COMPRO!!! Apple lossless! L’ASDL stasera è veramente lenta, intanto i Mavs recuperano e vincono e mentre KD col suo zainetto indosso parla… ecco sgorgare le prime note di Cant’t wake up che sembra proprio un invito a restare li ad ascoltare il resto! The Apache Relay vengono dalla parte “incontaminata” di Nashville, questo American Nomads è il loro secondo disco e, oltre a brani originali, contiene una strepitosa versione di State Trooper di Springsteen. il disco reca con sè tutti gli ingredienti che vorrei in un disco tardo primaverile da godersi all’aria aperta. Il suono è fresco e potente ricorda Fleet Foxes, Arcade fire e  Decemberists! l’alternanza tra folk-songs, ballads e canzoni più tese, dona un equilibrio particolare a tutto il disco. Power hungry animals è una splendida folk-song, Mission bells ha qualcosa di John Lennon, Lost kid è una travolgente sing a long song! Water hole è molto soul oriented e odora alla stragrande di Motown! American Nomad lavora sui territori di springsteen, grande lavoro del violino e ritmo incalzante. When i come home è una bella ballata acustica che lascia spazio alla nervosa e tesa Home is not places, l’album si chiude con la rassicurante Some people change! Tutto quello che avrei voluto avere da un disco l’ho trovato qui, la sintesi perfetta del trend sonoro di cui ho bisogno! Gli Apache Relay sono come la medicina omeopatica c’è a chi fa effetto e a chi no con me funzionano alla grande, li adoro!!!

2 risposte a “The Apache Relay: American Nomad”

I commenti sono chiusi