Giovedì 4 Ottobre 2018

PLAYLIST
Woke up in Waco – Garrett Ford
Wildflowers – Trampled By Turtles
Long Ride – Amanda Anne Platt & The Honeycutters
Hold Me Down – A Different Thread
Play Me Another One – The Breakmen
Lines in the Sand – Balsam Range
The Sweet – Hackensaw Boys
Greener Grass – Wood & Wire The Coast
China Town – Folk Soul Revival
Break or Bend – The Sweet Lillies
If You’d Stay – The Midnight Union Band

Mercoledì’ 3 Ottobre 2018

PLAYLIST
Bound for Glory – Connor Christian & Southern Gothic
Gospel Plow – Hackensaw Boys
Hobo Blues – Balsam Range
Too High Now – Will Courtney
Three-Quarter Time – Brian Paddock
Brooks – Smoke Wagon
Can’t Go Home – Snake Blood Remedy
Ballad of a Well Known Gun – Rob Ickes & Trey Hensley
Another Day – Tim O’Brien
Merry Go Round – Silo Road

Martedì 2 Ottobre 2018

PLAYLIST
The Sky’s the Limit – Ricky Espinoza
Where Did I Go Wrong – Smoke Wagon
Giving Up – Caleb Allemand
Down to the Wire – Handsome and the Humbles
Working on a Building – The Steel Wheels
Sure Feels Good Anyway – Amy Ray
So Far Away – Grant Maloy Smith
Left Alone (feat. Iris DeMent) – Malcolm Holcombe
Rocking Chair – Stryker Brothers
Midway – Ali McCormick

Giovedì 24 Maggio 2018

PLAYLIST
Workin’ On It – Chicago Farmer
Free Again – The Band Of Heathens
Moonshine (feat. Kacey Musgraves) – Foy Vance
Sentimental in the Morning – Edward David Anderson
How to Be Okay Alone – Brent Cowles
The Borderline – Cathy Dobson
The Comeback Kid – Lindi Ortega
Lesson – Sarah Shook & the Disarmers
Big River – Special Consensus
We’ll Never Make It – Cameron Wrinkle

Massimo Marches – Statue

Perchè quando c’è qualcosa di bello fatto da un “ragazzo della porta accanto” quasi sempre pensiamo che valga di meno del suo omologo di Londra o San Francisco? Mentalità di provincia che a Rimini purtroppo si respira a pieni polmoni…
Massimo è uno di noi, lo abbiamo visto suonare così tante volte con Filippo Malatesta, con Andrea Amati, con Miscellanea Beat… che quasi non facciamo più caso a quanto sia bravo e geniale sia nel rapporto con il suo strumento principale, che con le parole e gli arrangiamenti.
Massimo è così semplice ed innocente da risultare disarmante… eppure quando ha la chitarra in mano si trasforma come un Power Ranger.
Finalmente è uscito Statue! Lo aspettavamo da tanto ed averlo ora nelle orecchie sembra quasi un miraggio che si sia materializzato. Sono sempre molto critico con la musica italiana e quindi trovare un disco che mi piaccia è diventato estremamente difficile ma già dopo il primo ascolto di Non meriti ed Estatate Perduta sono stato rapito dalla magia di queste canzoni. Leggi tutto “Massimo Marches – Statue”