Lunedì 2 Ottobre 2017

PLAYLIST

Country Song – Casey Donahew
Texas Women, Tennessee Whiskey – Josh Abbott Band
She’s All Mine – Cody Jinks
Honky Tonk Near You – Kevin Fowler
Everything to Lose – Sundance Head
Conformity – Natalie Rose
Tonight – Granger Smith
Home – Pat Green
How Do You Honky Tonk – Jake Worthington
Oil Town – Shane Smith & the Saints
Sippin’ on Shine – Jerrett Zoch and the OSR Band

Sabato 30 Settembre 2017

PLAYLIST

County Line – Sugarland
Girl Like You – Jon Wolfe
How Can You Love Him (You Don’t Even Like Him) – Reckless Kelly
Never Again – Eli Young Band
Canada – The Wynntown Marshals
Dark Times – The Rails
Wise Blood – The Woodland Hunters
I Am the Song – Hiss Golden Messenger

Giovedì 28 Settembre 2017

PLAYLIST

Simple Love – Fanny And The Atta Boys
Is A Long Time – Scott Nolan
Storm Clouds over Dallas – Kenny George Band
Tangletown – Craig Finn
Domino (Time Will Tell) – Hiss Golden Messenger
Your Time – The Wynntown Marshals
Misery Without Company – Sarah Shook & the Disarmers
Oak Tree – Good Old War
Meet Me in the Twilight (feat. Wildwood Kin) – Seth Lakeman
Saltwater Gospel – Eli Young Band

Mercoledì 27 Settembre 2017

PLAYLIST

Hard Way Out – The Grande
Special Way – Colorama
Home Sweet Home to Me – Erin Enderlin
Low Country Comedown – The Wynntown Marshals
Bottom of the Sea (Acoustic Version) – Sean McConnell
I’ll Try – The Novel Ideas
San Francisco Good Times – Gold Star
The Forest and the Hum – Blank Range
Rise Above It – The Woodland Hunters
Hit & Run Driver – Larry Campbell & Teresa Williams

Martedì 26 Settembre 2017

PLAYLIST

Only a Number – Good Old War
My Burden with Me – Mipso
Lost Out in the Darkness – Hiss Golden Messenger
Meteor to My Heart – The Woodland Hunters
Get Up and Go – Leftover Salmon
Stars in the City – Old Dominion
Bring Me to My Knees – Danny & The Champions of the World
Headlong – John Smith
Delia – The Grascals
Roots – Zac Brown Band

Lunedì 25 Settembre 2017

PLAYLIST
The Other Side of Pain – Larry Campbell & Teresa Williams
That Girl in Texas – Jon Wolfe
Oilfield Outlaw – 281 SouthI
Was Wrong – Chris Stapleton
Tupelo – Jason Isbell and the 400 Unit
Maybe a Moment – Justin Townes Earle
Only By the Light – Railroad Earth
Let’s Fall Apart – The Woodland Hunters
Southern Rain – Jake Bugg
Late Surrender – The Rails
Seemed Like Word Got Around – Blank Range

Siamo i “ragazzi” di oggi???…

Sabato mattina il Gr ha ricordato che era il compleanno di Springsteen… sono passati 31 anni da quando suonò per la prima volta in Italia a Milano. Ho pensato a me 31 anni fa in quello stadio, un universitario di belle speranze, spensierato, con la musica nella testa e con tante idee (a volte bislacche). Mi guardo, 31 anni dopo e mi scopro ad avere esattamente come allora ai piedi un paio di All Stars, addosso un paio di jeans sdruciti e tagliati, una tee ed uno zaino in spalla. Continuo ad avere idee (a volte bislacche), delle speranze e la musica sempre in testa. Apparentemente (capelli a parte) non sembra essere cambiato niente a parte il fatto che sono diventato grande, ho un lavoro, una moglie, un figlio e una vita alle spalle e quel signore con la bandana in testa per il quale 31 anni fa avrei dato tutto pur di poterlo vedere suonare ora mi regala solo una enorme tristezza. Sono cresciuto essendo me stesso, facendo enormi cazzate ma anche tante cose giuste, la musica che ascolto si rinnova giorno dopo giorno e le emozioni che mi regala sono sempre quelle belle che mi ha sempre regalato, se nell’85 erano i Prefab Sprout, ora sono gli Arcade Fire… credo di essere un figlio del mio tempo, a volte ritorno a giocare con l’Amiga ma non vedo l’ora che esca qualcosa di nuovo per PS4 per poterci giocare ore ed ore con mio figlio, a volte mi capita di ascoltare Lloyd Cole, Smiths, Springsteen ma poi dopo quel momento mi metto a ballare con The XX, a sognare con The War of Drugs e a cantare con Jake Buggs. Certe cose mi hanno fatto crescere, non le rinnego, sono parte di me e lo rimarranno per sempre, ma ora sono un altro, tutto quello di cui ho bisogno è di vivere ora e qui, non ho bisogno di riti collettivi o di ricordare i bei momenti passati o le emozioni di adolescente per sentirmi vivo, sono vivo e sono qui (questo però lo diceva già Baglioni…) l’unica domanda che mi pongo è: ma come dovrebbe vestirsi un cinquantatreenne? Ricordo giacche, cravatte, mocassini di mio padre e dei suoi amici… quindi non so… nel dubbio… io continuo a mettere le mie All Stars, i jeans tagliati, una tee e  lo zaino in spalla e continuo a vivere di questo tempo in questo tempo.