Maple Run Band – Maple Run Band

I Maple Run Band sono del Vermont e sono genuini come lo stato da dove provengono e coniugano alla perfezione tradizione ed originalità. Le loro canzoni sono asciutte e vanno diritte alla meta. Il loro disco di debutto omonimo di Maple Run è stato pubblicato nell’agosto 2020. Il suono è guidato dalle armonie vocali di Trevor Crist (chitarra) e Nicole Valcour (batteria), accompagnate dal basso di John “Spence” Spencer e dalla languida chitarra di Bill Mullins. Il suono che si respira è pura americana, ed è un perfetto equilibrio di canzoni dove anche l’unica cover, “Engine Engine # 9” di Roger Miller, è fatta in Maple Run Band Style. Le canzoni sono tutte firmate da Trevor Crist nativo del Kansas, ma trapiantato nel Green Mountain State al confine col Canada.

L’ultima volta che ho pianto è stato il giorno in cui è morto Johnny Cash” così recita un verso dell’iniziale You’re Gonna Make Me Cry Again che pone l’asticella ad una considerevole altezza in fatto di composizione e strumentalità. Queen of Labrador City è country shuffle con una grande lap steel a sostenerne la melodia. Catch You Down the Line è la classica country ballad in bilico tra The Band ed Uncle Tupelo. Keep on Truckin è tra le mie preferite, un omaggio spudorato agli anni 70 di quando il Country era ancora genuino e non contaminato dal pop. Monday Morning è una classica county-ballad composta e suonata a regola d’arte. Last of the West Kansas Cowboys richiama alla mente Neil Young, una canzone che denota un grande talento di songwriting. Borderline ha una chitarra elettrica che richiama il suono di Dukes anche se la voce di Trevor non è paragonabile al graffio di Steve Earle. Ma Bell è lenta e suadente un ricordo del cosmic country di Graham Parson. I fuochi d’artificio su Oklahoma City in Independence Day fanno insorgere reminescenze agli anni 80. Molto belli gli impasti vocali di Lost Bird sostenuta interamente da una chitarra  acustica ed il violino. You’ve Got a Warrant (Out on My Affection) chiude il disco ed è una languida ballata di quelle che si ascoltano nelle ballroom alla fine di ogni concerto che si rispetti. 

Questo è un debutto davvero con i controfiocchi. Crist si è espresso sia in veste di cantautore che di perfetto frontman di una band che lo segue e lo asseconda in ogni sfumatura. Si tratta di sano country che a volte si dimentica che sapore abbia. Il Vermont non è certo il centro della musica dei due generi, ma ora von i Maple Run Band lo è diventato.